Luis Gomez | VENEZUELA
Luis Gome de Teran si ispira alla pittura barocca, in particolare dalla scuola del Caravaggio. E’ ispirato da ricerche sull’uomo, sul suo corpo in momenti di bellezza e di decadimento. La sua tecnica, minuta e attenta, ricerca la simmetria e la luce, avvalendosi sempre di contrasti e di potenti dicotomie tra bellezza e orrore, forza e debolezza, vincitori e vinti, libertà e schiavitù, vita e morte. Gomez è prevalentemente autodidatta nel suo uso di oli, colori acrilici o bombolet te che utilizza per dipingere tele, muri, ferro o specchi. La sua fama internazionale deriva dei muri che ha realizzato in molte città, tra cui Roma, Berlino, Londra, Barcellona e Mumbai.

 


PRINCIPALI ESPOSIZIONI: 2016 “Levels”, GroupShow di Serigrafia, Galleria Varsi, Roma / “Nox Omnibus Lucet”, Galleria Varsi, Roma “Margutta Urban Station”, GroupShow, Asta di beneficenza, Roma / 2017 “Lo scrivo sui Muri”, GroupShow, Museo Crocetti Roma / “Decades” GroupShow, Philobiblon Urban Project, Guido Reni District, Roma / “Ronde de Nuit”, GroupShow, a cura di Valeriane Mondot e Anna Dimitrova, Galleria Adda e Taxie, Parigi, Francia / 2018 “(Dis) Figured”, GroupShow, Montoro 12 Gallery, Roma, Italia / “Dendrocronologia”, Good to Earth, Calendario Lavazza 2019, Phetchaburi, Thailandia / 2019 “Amnesia”, Solo, Montoro 12 Gallery, Bruxelles, Belgio / “Anche quando l’Alba non c’era”, Solo, Museo MUSMA, Matera, Italia – INTERVENTI URBANI: 2015 “PUBBLICA”, Residenza d’Arte Urbana s cura di Carlo Vignapiano, Selci, Italia / “Tracce Temporanee”, GroupShow, a cura di Elena Nicolini, Roma, Italia / “Festival Internazionale di Poesia e StreetArt”, con i Poeti Der Trullo, Roma, Italia / 2016 “Melodia del Sogno e della Realtà”, Forliamo Street Art, Forlì, Italia / “Controsole Controvento”, Festival de arte urbano Museo Mar Menor, Los Alcazares, Spagna / Mudant sas tintas de su quadru s’omin onestu diventat ladru”,Festival di arte pubblica, Tonara, Sardegna, Italia / Ode all’imperfezione”, Festival Impruneta on Fire, Firenze, Italia / “In un milione di piccoli passi”, scuola Einaudi Primavalle, Roma, Italia / “Teodora”, Marcellina, Italia / “Le nozze tra Terra e Aria” , Carbonio StreetArt Factory, Pomezia, Italia / “Sogno di una notte d’acqua”, Acquaviva delle Fonti, Puglia, Italia / “Curami”, In Wall We Trust, Airola, Benevento, Italia / “2914”, BagOut Biennale A.Garofalo, Irpinia, Italia / “Raccontami una storia”, Festival Gian Maria Volonté, Muracci Nostri, Primavalle, Roma, Italia / “Attraverso lo Specchio”, Anime di Strada, Civitanova Marche, Italia / “Le cose che non si vedono”, Muracci Nostri, Primavalle, Roma, Italia / L’invidia degli dei”, MAP Festival, Torrijos, Spagna / 2017 “Chiedi al Mare”, Museo della Pesca, Zarzis, Tunisia / “Sull’altra sponda”, Zarzis, Tunisia /Il Ballo Mascherato”, Voci nei Vicoli, Mosciano Sant’Angelo, Italia / “Mi inmortal”, Festival Màs Alla de la Pared, Torrijos, Spagna / “Decadenza Regale”, Emergence Festival, Catania, Italia / 2018 “Le voci delle pietre”, Marcellina, Italia / “Aika”, Associazione Culturale Defloyd, Ascoli Piceno, Italia / “Sacrificio celato”, appARTEngo Streetfest, Stigliano, Italia / “Flagellus solis”, Emergence festival, Giardini di Naxos, Italia / “Fuori dai Cieli”, Catania, Italia / “Viaggio ellittico”, Sardegna, Italia / 2019 “Come le più belle cose”, Toward 2030 per Lavazza, Torino, Italia / “La bella che guarda il lago”, Anguillara, Italia / “Corpus Homini”, Draw the line Malatesta Associati, Campobasso, Italia / “Nient’altro importa”, Inward, Napoli, Italia / “Ogni taglio è neroluce”, Mitreo Arte Contemporanea, Roma, Italia / “Solo un fiammifero”, Mò Street Fest, Volturno, Italia / Semplicemente riflettendo”, Progetto Assafà, Napoli, Italia / “Corpus homini”, Rione San Giacomo, Matera, Italia / 2020 “La fleur du mal”, Progetto Saato, Louvre metro station, Parigi, Francia

Opere

Non ci sono opere da mostrare

Attività